GIOVEDì 21 Giugno 2018 - Aggiornato alle 22:42

Home » » Una casa all’aria aperta per i macachi

 

Una casa all’aria aperta per i macachi

Nel centro di Semproniano in Maremma per le due colonie dell’Università di Modena e del Coris di Padova

Sono il genere di primati a più ampia diffusione dopo l’uomo. Si tratta dei macachi, diffusi per la maggior parte in Asia e, in una sola specie nell’Africa nord-occidentale e in Europa, a Gibilterra. Diversi gli habitat: dalla foresta pluviale alla montagna. Pur essendo buoni arrampicatori, trascorrono la maggior parte del tempo al suolo. Mangiano soprattutto frutta, ma anche vegetali e semi.
Per le due colonie di macachi provenienti dall’Università di Modena e dal Coris di Padova non sarà possibile il ritorno in natura ma ad essa gli esemplari si stanno riavvicinando grazie alle apposite strutture create per loro dalla Lav (www.lav.it) nel Centro di Recupero di Semproniano, in Maremma. Qui hanno riscoperto la vita all’aria aperta e nuove possibilità di interazione.
Gli ultimi arrivati sono i macachi di Padova. «E’ un gruppo di macachi di Giava molto numeroso, composto da 24 femmine e tre maschi, di un’età che varia tra gli 8 e i 22 anni, quindi una colonia prevalentemente composta da individui adulti - racconta Valeria Albanese, keeper - Questa è stata la prima sfida che abbiamo dovuto affrontare perché si tratta di animali che hanno vissuto per un lungo periodo all’interno di spazi chiusi e in un laboratorio. Le nostre paure iniziali, legate al fatto che non potessero adattarsi velocemente a questi spazi molto aperti, in realtà sono scomparse perché nel giro di una settimana si erano perfettamente adattati: correvano, saltavano e questo ha permesso loro di sviluppare una muscolatura che nel giro di sei mesi si è rafforzata. Gli ha permesso anche di rinfoltire il pelo non abituato a climi e temperature così bassi perché all’interno dei laboratori avevano una temperatura e un’umidità costanti mentre qui hanno la possibilità di decidere se rimanere all’interno dei ricoveri o di uscire».
Spazi diversi e possibilità di scelta ma anche nuovi gruppi. «Appena arrivati - continua Albanese - la prima cosa fatta è stata quella di reintegrare i due gruppi di femmine che nel laboratorio erano separati; abbiamo creato un primo gruppo di sole femmine a cui poi sono stati aggiunti i maschi, all’inizio questa integrazione è stata un po’ in tensione ma nel giro di un mese si sono stabilizzati e si sono create le gerarchie. E grazie agli spazi ampi abbiamo modo di distribuire cibo e arricchimenti in modo che ogni individuo riesca a raggiungere la quantità di alimenti di cui necessità giornalmente».
Non solo macachi. Al Centro di Semproniano, a ridosso della costa dell’Argentario, trovano ospitalità animali esotici e selvatici con diverse storie alle spalle. «In Italia, in particolare per gli animali esotici, esistono solo due centri autorizzati ad effettuare questa attività - spiega Roberto Bennati, vicepresidente Lav - Abbiamo bisogno di incentivare la presenza di queste strutture perché ci sono migliaia di animali oggetto di commercio, di maltrattamento, di confisca che devono trovare una sistemazione».

(14 Feb 2018 - Ore 19:47)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy