DOMENICA 24 Settembre 2017 - Aggiornato alle 23:44

Home » » Diversi casi confermati di Chikungunya ad Anzio

 

Diversi casi confermati di Chikungunya ad Anzio

Paura ad Anzio, cittadina in provincia di Roma, dove si sono verificati diversi casi confermati di Chikungunya, dall’inizio di agosto. Per contenere la diffusione di questa malattia virale trasmessa dalla puntura di zanzare infette, e prevenire la trasmissione attraverso trasfusioni, il Centro nazionale sangue raccomanda di sospendere in via cautelativa dalla donazione i residenti nel Comune di Anzio, ma anche in altre aree regionali in caso in cui emergano all’anamnesi dei donatori sintomi riconducibili a quest’infezione autoctona. Per 28 giorni non potranno donare il sangue anche quanti hanno soggiornato, seppur per poche ore, nel Comune di Anzio dal primo agosto, afferma il Centro Nazionale Sangue (Cns) nella segnalazione inviata alla Struttura di coordinamento per le attività trasfusionali della Regione Lazio e pubblicata sul sito dell’Avis nazionale. A livello nazionale, per il Cns è «necessario che in tutti i Servizi trasfusionali e le Unità di raccolta sia rafforzata l’indagine anamnestica di selezione» dei donatori, accertando se hanno soggiornato, anche per poche ore, ad Anzio dal primo agosto. In caso di anamnesi positiva, «si dispone l’applicazione del provvedimento di esclusione temporanea dalla donazione di sangue ed emocomponenti per 28 giorni», seguito «dalla riammissione solo previa dichiarazione dell’assenza di sintomi» riferibili alla Chikungunya nei 28 giorni considerati. I sintomi sono simil-influenzali: febbre alta, brividi, cefalea, nausea, vomito e soprattutto importanti artralgie - da cui deriva il nome Chikungunya, che in lingua swahili significa «ciò che curva» o «contorce» - tali da limitare molto i movimenti dei pazienti. Tali provvedimenti rimangono in vigore fino a nuova comunicazione del Centro nazionale sangue. In provincia di Viterbo, invece, è stato segnalato un caso, nell’uomo, di virus del Nilo occidentale. In Italia «possiamo comunque contare su medici e veterinari molto bravi, capaci di associare i sintomi alla patologia, sia per quanto riguarda la Chikungunya che il West Nile virus», afferma Florio Ghinelli, direttore sanitario di Avis provinciale Ferrara e infettivologo. (Adnkronos)

(08 Set 2017 - Ore 19:45)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Due nel blu (foto Angela Pierucci)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy